La maledizione dell'onore di David Annandale recensione

Solo in questi giorni riusciamo a pubblicare la recensione per “La maledizione dell’onore” di David Annandale, romanzo epico di fantasia che esplora il dovere e l’arte della guerra nel mondo straordinario della Leggenda dei Cinque Anelli.
E’ un peccato non avervi immediatamente fatti partecipi del piacere che ci ha fatto, quest’ultima estate, divorare questo romanzo di samurai, leggende e soprannaturale, ma, si sa’, il lavoro vuole ciò che il lavoro vuole 🙂
Meglio tardi che mai! Tanto più che ora che ne parliamo tutta la storia e le impressioni che ne ho avuto leggendolo mi ritornano in mente fresche come se avessi terminato la lettura l’altro ieri.

Il libro, edito da Asmodee Italia e facente parte della collana di romanzi a tema giochi da tavolo/di ruolo/di carte di recente pubblicazione, si concentra sui samurai di Rokugan, sui loro conflitti sia esterni che interni ed esplora i temi di onore, gloria e tragedia. Il Castello dell’Alba Travolgente difende le montagne che separano l’Impero di Smeraldo dalle Terre dell’Ombra, infestate dai demoni. Quando una città leggendaria viene scoperta in un anfratto inesplorato tra le montagne che circondano il Castello, Hida Haru, erede e delusione della sua famiglia, coglie l’opportunità di dare prova del proprio valore.

Haru, uno dei protagonisti del romanzo e riuscitissimo personaggio di Annandale, è un giovane samurai che vuole dimostrare il suo valore e il suo onore alla sua famiglia e al suo clan. Quando, durante una missione di ricognizione nelle Terre dell’Ombra, scopre la città leggendaria che sembra nascondere un oscuro segreto, affascinato e quasi trascinato da questa scoperta, decide di esplorare la città.

Ma la spedizione, rischiosa fin da subito anche solo per le condizioni metereologiche estreme e avverse, si conclude in tragedia: solo uno dei samurai fa ritorno e Haru è disperso. Per evitare che si scateni una lotta di potere, la valorosa comandante di Alba Travolgente, Ochiba, viene inviata alla ricerca di Haru. La donna combatte contro orrori sovrannaturali e riesce nell’impresa, ma Haru… è cambiato e ora, la sventura perseguita la sua famiglia, accompagnata da una serie di morti misteriose. Qualcosa di malvagio è stato liberato e deve essere fermato, a ogni costo.

David Annandale è davvero bravo nel fornire una narrativa coinvolgente, suggestiva e decisamente a ritmo sostenuto con una bella caratterizzazione dei personaggi calati alla perfezine nei costumi, nella cultura e le norme sociali dell’ambientazione dei Cinque Anelli, rispondendo contemporaneamente alle esigenze della trama senza compromessi.

E’ stato un vero divertimento leggerlo e perdercisi durante la calura estiva, quando i ghiacciai del Rokugan ci hanno garantito una frescura (anche se solo immaginaria) piena di avventura, mostri e scelte morali.

Questo romanzo è anche un ottimo modo per avvicinarsi all’universo de La Leggenda dei Cinque Anelli (gioco di ruolo che ancora non abbiamo avuto modo di recensire e tutorializzare), senza bisogno di conoscere il gioco o le sue regole. Il libro infatti si concentra su un solo clan e su una sola roccaforte, introducendo gradualmente il lettore alla cultura, alla storia e alla geografia di questo mondo fantastico.

La maledizione dell’onore è il primo di una serie di romanzi fantasy dedicati a La Leggenda dei Cinque Anelli, che vedranno coinvolti altri autori affermati nel campo della narrativa di genere. Se siete curiosi di scoprire questo universo o se volete approfondirlo ulteriormente, non lasciatevi sfuggire questo libro!

La leggenda dei Cinque Anelli – il gioco

“La Leggenda dei Cinque Anelli” è un gioco di ruolo che immerge i giocatori nel mondo di Rokugan, un mondo fantastico ispirato alla mitologia giapponese e asiatica. I giocatori assumono il ruolo di samurai, shugenja e altri personaggi ispirati alla cultura giapponese.

Il gioco è noto per la sua complessità narrativa e per l’ambientazione raffinata e dettagliata. L’ambientazione è incentrata principalmente sull’impero del Rokugan, a sua volta basato su una versione fantasy del Giappone feudale, con influenze di altre culture dell’Asia orientale.

Il gioco è alla sua quinta incarnazione, forgiata dall’incontro tra la nuova versione semplificata del sistema Genesys di Fantasy Flight Games, con dadi a 6 e 12 facce, e le originali meccaniche che la caratterizzano.

Nel gioco, i personaggi sono definiti dalla loro forza nei vari elementi, rappresentata dal valore di anello, un valore numerico su una scala da uno a cinque. In ogni azione intrapresa, un personaggio deve scegliere un approccio elementale: l’adeguatezza di un approccio rispetto a un altro può fornirgli il vantaggio di cui ha bisogno o ridurre le sue probabilità di successo.

Il mondo dell’ambientazione non ha un nome globale, per cui il nome “Rokugan” è usato anche per riferirsi al mondo dell’ambientazione nel suo complesso. Per oltre mille anni il Divino Imperatore Hantei ha governato il Rokugan, difeso dai sette Grandi Clan4. Ora le forze delle Terre dell’Ombra si assembrano minacciando la pace, le alleanze si incrinano e l’armonia stessa dei cinque elementi sembra vacillare.

Questo è un gioco di ruolo che richiede strategia, intuizione e un profondo coinvolgimento nel suo mondo ricco e dettagliato.

David Annandale, è un docente universitario canadese che ha già pubblicato numerosi romanzi di genere, tra cui quelli ambientati nell’universo di Warhammer 40.000.