1 – Dracula è ancora vivo: La furia di Dracula.

Pubblicato da ilgiocointavolo il

Giochi da tavolo: La furia di Dracula. Il conte in persona.

Il Conte Dracula protetto dalla sua posizione nascosta nella sua mappa di riferimento pensava cupamente a quale strategia usare contro I Cacciatori. Conosceva le loro schede personaggio una per una. Non li aveva affrontati già una volta in un passato non così remoto? Avrebbe avuto modo di usare i suoi gettoni morso più di una volta (e Mina Harker ben se lo ricordava!).Pensavano forse I Cacciatori di poterlo rallentare o addirittura sconfiggere (bah!!) con i loro Segnalini Ostia Benedetta e Suolo consacrato ??

Lo avevano sconfitto una volta, è innegabile .. ma l’astuzia e l’esperienza questa volta lo avrebbero aiutato a trionfare… e i conti sarebbero stati saldati. I cacciatori: il Professor Abraham Van Helsing, Madam Wilhelmina Harker, il Dr. John Seward e Lord Godalming si sarebbero opposti a lui cooperando. La vittoria sarebbe stata per loro di tutti o di nessuno, e anche questo fattore avrebbe giocato a suo favore. Avrebbero fatto le loro mosse a turno obbedendo a regole che lui avrebbe potuto ignorare nascondendosi nell’ombra. E avrebbe creato Vampiri.

Il suo Sangue non sarebbe mai sceso a livello zero, non prima di averli uccissi uno ad uno. Magari proprio con l’aiuto di quel Quincey P. Morris che una volta aveva provato ad ostacolarlo e che ora come assassino non-morto obbediva ai suoi comandi.

L’Europa occidentale e orientale sarebbero state il suo terreno di caccia (ed il vostro tabellone di gioco) , si sarebbe mosso segretamente da una città all’altra usando le sue Carte Località Dracula e avrebbe attaccato con le sue Carte Poteri di Dracula. Tutto il mondo sarebbe stato la sua personale Catacomba e in ognuna di queste avrebbe lasciato pane ( o Incontri) indimenticabili per i suoi persecutori.

Tra i giochi da tavolo a tema, La furia di Dracula è uno dei più evocativi. Mai nessun gioco da tavolo ci aveva permesso di incarnare tutta la perfidia e la predisposizione al male del Conte (e cattivo) più famoso della letteratura e del cinema mondiale.